Caracausi, Pronti al rilancio. Al via la stagione referendaria.

L’assemblea di sabato scorso a Roma ha dato l’avvio alla fase di rilancio di Italia dei Valori non solo a livello nazionale, ma anche nei territori. Ritrovando come compagno di viaggio Antonio Di Pietro, siamo pronti ad avviare una nuova stagione referendaria che coinvolgera’ anche la Sicilia e Palermo”. Lo dice Paolo Caracausi, vicesegretario Idv Sicilia e consigliere comunale di Palermo. “Temi come legittima difesa, lotta al gioco d’azzardo, gestione dei beni confiscati alla mafia, lotta all’evasione e alla corruzione, confisca dei patrimoni ai corrotti e ai corruttori, detrazione al 50% di tutte le spese, tutela dei piu’ deboli – continua Caracausi – saranno le nostre stelle polari ovunque e in particolar modo in Sicilia. Chiederemo di abolire il Rosatellum e indiremo un nuovo congresso nazionale entro un anno, presentando alle Europee il simbolo di Idv. La storia di Italia dei Valori non si ferma, ma continua piu’ forte di prima.”

Di Pietro all’Assemblea di Italia dei Valori

Antonio Di Pietro ha partecipato all’Assemblea nazionale e programmatica del partito in veste di padre fondatore di Italia dei Valori. “Occorre rifondare un centrosinistra distrutto e allo sbando” dice e ha poi parlato delle attuali vicende di cronaca che riguardano lo stadio della Roma dicendo che una cosa è fare scelte sbagliate ed una cosa è commettere atti delittuosi e che tra le due cose c’è una bella differenza. “Mentre Pd, Lega e Forza Italia – incalza – risultano direttamente coinvolte per aver ricevuto fondi così non è stato per i Cinque Stelle che hanno semplicemente fatto “scelte sbagliate” e qui Di Pietro si è ricollegato alla sua gestione di Italia dei Valori ammettendo di aver fatto anche lui scelte sbagliate ma che in IdV hanno lavorato anche molte persone per bene. Successivamente, in una intervista rilasciata a Vista Tv, l’ex magistrato di Mani Pulite ha dichiarato che la figura dell’agente provocatore ricorda quello dell’istigatore di un reato, criticando così una parte del programma sulla giustizia del governo gialloverde”.

 

Assemblea Nazionale programmatica con la partecipazione di Antonio Di Pietro

Care amiche, cari amici, rispettando l’impegno preso in occasione dell’assemblea nazionale del 28 aprile u.s., dove insieme abbiamo deciso di proseguire con convinzione e determinazione il nostro impegno nell’Italia dei Valori, ho convocato l’Assemblea Nazionale per Sabato 16 giugno 2018 alle ore 09:30, presso l’Hotel Palatino in Roma  via Cavour 213. All’ordine del giorno, di esclusiva competenza dell’esecutivo nazionale, a norma del nostro statuto, l’approvazione del bilancio 2017. L’assemblea nazionale invece sarà chiamata a discutere della situazione politica nazionale e territorialee confrontarsi sulle proposte da mettere in cantiere per caratterizzare la nostra futura azione politica e rivendicare la nostra identità.Dovremo rilanciare i nostri temi, attuali e ad oggi irrisolti: dalla legittima difesa al contrasto al gioco d’azzardo, Leggi Tutto

Governo: ora governino, noi vigili per il bene comune

“Ritengo che la nascita del governo lega – m5s sia corretta perché rispettosa della scelta degli italiani e che il Presidente della Repubblica abbia ben operato. Ora che governino dimostrando di saperlo fare. Noi di Italia dei Valori, in totale autonomia, intendiamo confrontarci sui nostri temi, tra cui la legittima difesa (con due milioni di firme raccolte sulla nostra legge di iniziativa popolare), lotta alla corruzione, lotta alla mafia e gestione dei beni confiscati, lotta all’evasione fiscale e giusta tassazione, lotta al gioco d’azzardo, violenza di genere, tutela dell’ambiente e degli animali, lotta alle caste. Su ognuno di questi temi c’é un nostro disegno di legge depositato in Parlamento. Leggi Tutto

Mattarella ha fatto bene

Ha fatto bene il Presidente Mattarella a non cedere che ai diktat dei populisti Salvini e Di Maio facendo gli interessi degli italiani e garantendo il rispetto della costituzione. Ora un governo del Presidente che faccia la legge di stabilità e sia promotore di una nuova legge elettorale che attribuisca il premio di maggioranza alla coalizione che supera il 40%. Poi subito al voto restituendo la parola ai cittadini italiani che non si faranno più ingannare da inconsistenti proposte politiche e da falsi profeti.

Governo, Messina (Idv): Incarico a Conte? Conte chi?

“Mai il nostro paese era caduto così in basso e bene fa il Presidente Mattarella a frenare sulla nomina del primo ministro.Il prof. Conte, sarà anche un bravo professore, come tanti altri suoi colleghi, ma il nostro paese ha bisogno di un premier autorevole e non di qualcuno in balia, politicamente, di due burattinai. Dal movimento 5 stelle non ci aspettavamo di meglio ma dalla lega che governa importanti regioni del paese,  francamente si. Mettete fine a questa farsa. Di Maio e Salvini, se avete il coraggio governate voi, magari due anni a testa ma non nascondete il vostro disaccordo dietro qualcuno da manovrare e che potete sfiduciare ogni ora. Contratto? Leggi Tutto

Non si mettono d’accordo in due sul Governo, figuriamoci in 60

“Per fare un governo ci vogliono circa 60 componenti tra ministri e sottosegretari se non si mettono d’accordo per trovare un premier figuriamoci se trovano i componenti del governo. Se fossi un cinico opportunista e pure all’opposizione sarei tentato di dire facciamoli governare così i cittadini si renderanno conto sulla loro pelle del disastro annunziato ma pensando al bene dell’Italia faccio appello al Presidente della Repubblica affinché metta fine a questa melina che dura ormai da 70 giorni e proceda, come aveva annunziato, Leggi Tutto

Governo, va chiarito che il Cav ha solo scontato la pena

Si festeggiano le assoluzioni e non le riabilitazioni! A destra e a sinistra si spellano le mani per applaudire alla riabilitazione di Silvio Berlusconi quasi come avesse ottenuto l’assoluzione dai reati commessi e creando nell’opinione pubblica, una gran confusione. La realta’ e’ ben diversa: per l’art. 178 codice penale la riabilitazione, se richiesta, viene concessa a tutti i condannati che abbiano scontato la pena, e non comporta l’estinzione della stessa ma soltanto l’estinzione degli effetti penali della condanna e delle pene accessorie tra cui l’interruzione dai pubblici uffici. Leggi Tutto

Governo, Messina: ok ad un governo del Presidente

Condivido pienamente la decisione del Presidente della Repubblica. Basta con lo stallo dei partiti incapaci di dare un governo politico al Paese. Bene un governo del Presidente, neutrale e di garanzia, che  metta in sicurezza i conti pubblici, cambi la dannosa e inadeguata legge elettorale esistente e porti i cittadini a nuove elezioni a dicembre”.
E’ quanto si legge in una nota di Ignazio Messina, segretario nazionale IdV.

Lettera aperta al Presidente della Repubblica

“La colpa dello stallo nella formazione del Governo non è di Salvini ne’ di Di Maio. Loro giocano a chi la spara più grossa, fanno tatticismi, si atteggiano a statisti, tentano approcci contro natura, è vero, ma il problema è un altro: una legge elettorale che fa schifo e che fa rimpiangere il porcellum.  Mi appello al Presidente Mattarella, al suo ruolo di garante della nostra Costituzione ed al suo alto senso delle Istituzioni: incarichi, già da lunedì, non un presidente di “tregua”, tanto per tirare a campare per qualche mese sotto il ricatto costante dei   novelli “responsabili” (con i numeri che ci sono in parlamento, sopratutto al Senato, ogni deputato è un partito!) ma un tecnico di alto profilo e competenza costituzionale che abbia un duplice mandato da esaurire in 3 mesi. Leggi Tutto

Idv rilancia. Messina riconfermato segretario

‘Nell’ultimo incontro dell’assemblea nazionale tenutosi oggi a Roma, Ignazio Messina, segretario nazionale IdV ha visto riconfermata da parte degli iscritti, la piena fiducia nel suo mandato e ha preso forma il nuovo progetto di Italia dei Valori per ripartire dai territori, affianco dei cittadini. ”Se siamo qui, nonostante tuttele difficoltà che abbiamo vissuto lo dobbiamo a quanti ci credono. Questo Paese ha bisogno di credibilità e di scelte coraggiose, prese nell’interesse della collettività e delle tante famiglie che non arrivano neppure più alla terza settimana del mese, ha bisogno di legalità e di risolvere la grave questione morale che ancora lo affligge”. Leggi Tutto

Messina: Sì al ministero del Cibo e del Verde

“Il settore agroalimentare è una delle punte di diamante del nostro Paese, di primaria importanza sia in termini di valore che di posti di lavoro. La politica deve farsene carico in modo più deciso”. Queste le parole di Ignazio Messina, candidato al Senato nel collegio uninominale Lombardia 14. “Condivido a pieno la volontà di Coldiretti, espressa dal suo presidente di Brescia e Lombardia Ettore Prandini, di istituire un ministero del Cibo e del Verde. E’ necessario che alcune materie siano discusse e coordinate a livello centrale, soprattutto in campo agroalimentare dove servono competenze molto specifiche. Con quest’ottica si potrà contrastare la contraffazione del made in Italy, il cosiddetto Italian Sounding, che priva la nostra economia e i nostri produttori di 60 miliardi di euro all’anno”. Leggi Tutto

Messina firma il documento programmatico del mondo venatorio

C’è anche la firma del segretario nazionale dell’Italia dei Valori, candidato a Brescia, sotto il programma della cabina di regia del mondo venatorio. La settimana delle elezioni politiche del 4 marzo si apre con un’altra firma sotto il programma della cabina di regia del mondo venatorio: Ignazio Messina (Italia dei Valori), candidato al Senato col centrosinistra nel collegio uninominale di Brescia, ha sottoscritto il documento preparato da Federcaccia, Libera Caccia, Anuu, Arcicaccia, Enalcaccia, Eps, Italcaccia e Cncn, impegnandosi poi a contribuire alla creazione di un gruppo di parlamentari che nel corso della legislatura possano interloquire con il mondo venatorio.

Mafia, Messina: Brescia tenga alta l’attenzione

“Più un territorio e’ ricco più fa gola alle mafie e Brescia in questo senso e’ una zona che desta molto interesse nella malavita. Quello malavitoso e’ un fenomeno che non deve essere ignorato ma contrastato attivando una cultura della legalita’. Qui nel Bresciano le mafie calabrese, campana e siciliana sono presenti nel settore degli appalti e del movimento terra, investono negli alberghi del Garda e sfruttano lo smaltimento dei rifiuti. Non bisogna poi sottovalutare il fenomeno del gioco d’azzardo, ampiamente descritto nel rapporto della Commissione, spesso gestito dalla criminalità organizzata e largamente diffuso in tutta la Lombardia”.“Dimentichiamoci il mafioso in coppola e lupara, ora ha il colletto bianco e parla tre lingue. Leggi Tutto

laboratorio turismo Laboratorio Telecomunicazioni laboratorio Legalità laboratorio Estero laboratorio agricoltura laboratorio scuola