IN ITALIA, DEI 23 MILIONI DI PENSIONI EROGATE
il 13,8% riceve meno di 500 euro al mese, il 31% incassa una cifra compresa tra i 500 e i 1000 euro al mese, un quarto riceve tra i 1000 e i 1500 mensili
un terzo riesce a superare la soglia dei 1500 euro al mese. 33.000 soggetti in Italia sono veri e propri pensionati d’oro che costano 3,3 miliardi di euro l’anno. Basti pensare che l’importo medio delle pensioni erogate in Italia ( 23 milioni di uomini e donne) è di 11.229 euro lordi. E’ il momento di darci un taglio, nel nome della solidarietà intergenerazionale e della sostenibilità del sistema. Contro le pensioni d’oro Idv ritiene necessari interventi correttivi a
carico dei redditi più alti per tentare di sanare gli squilibri prodotti dagli ultimi interventi legislativi in materia pensionistica, in particolar modo con la Riforma Fornero.

LA NOSTRA PROPOSTA DI LEGGE PREVEDE:

– la misura del prelievo straordinario per i trattamenti pensionistici superiori a 90.000 Euro per il periodo del triennio 2015-2018
– l’istituzione di un Fondo destinato a finanziare interventi a favore dei lavoratori autonomi in Partita Iva iscritti alla Gestione separata Inps, con l’obiettivo di garantire un tasso di sostituzione sul proprio trattamento previdenziale ( a fine carriera lavorativa) pari ad almeno il 60% della media delle retribuzioni percepite negli ultimi 5 anni di attività.

 

Scarica il volantino