sssssss

Le pietre miliari che devono guidare le scelte di un Governo riformatore devono essere la creazione del lavoro e un sistema d’impresa efficiente. Purtroppo nessuno di questi elementi è mai stato considerato una priorità nell’agenda politica dei vari esecutivi che si sono susseguiti in questi anni. Vogliamo riportare il lavoro al centro dell’agenda politica, attraverso proposte concrete per rilanciare l’occupazione e ridare ossigeno alle piccole e medie imprese.
Stampa

              Twitter #IDVsbloccasbloccatw2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

               Scarica Sblocca Lavorosblocca270x382

 

               Video Sblocca Lavoro

LAVORO: DEVE ESSERE PRIORITÀ ASSOLUTA PER COSTRUIRE SERIA ALTERNATIVA A GOVERNO LARGHE INTESE.

L’Italia dei Valori propone il tema del lavoro come priorità assoluta per costruire una seria alternativa all’attuale Governo delle larghe intese. Anche per questo, ieri, abbiamo depositato, in Cassazione, una memoria a difesa della validità delle firme raccolte per il referendum abrogativo delle leggi sul lavoro del ministro Fornero e di Berlusconi. I cittadini italiani hanno il diritto ad esercitare questa forma di espressione democratica. L’IdV sa bene che il tasso di disoccupazione giovanile e femminile, soprattutto nel Mezzogiorno, sta per superare la soglia del 50%. Si tratta di un problema che mette a serio rischio la tenuta sociale del nostro Paese. Noi dell’IdV non vogliamo limitarci alle proteste contro le scelte sbagliate e inique, messe in campo dal Governo Berlusconi prima e da quello Monti poi. Per questo, con lo ‘Sblocca lavoro’ abbiamo realizzato un serio pacchetto di proposte tese a ridare vitalità al sistema d’impresa italiano che investe, innova e fa ricerca nel nostro Paese. La sola condizione per creare occupazione è che l’impresa sia libera dalla burocrazia asfissiante, dalle tasse eccessive sul lavoro e che possa accedere al credito come accade per tutte le imprese del Nord Europa. A tal fine abbiamo inviato il nostro pacchetto di proposte a tutte le associazioni sindacali e a tutte le associazioni datoriali per aprire un serio confronto sui provvedimenti da adottare per uscire dalla crisi.

Stampa

SBLOCCARE IL LAVORO, CONSEGNATE A MINISTRO PACCHETTO PROPOSTE, E’ MANOVRA DA 100 MILIARDI.

E’ ora di sbloccare il lavoro ed è per questo che oggi abbiamo consegnato al ministro del Lavoro la nostra manovra da 100 miliardi di euro. Il nostro progetto si chiama sbloccalavoro perché vogliamo sbloccare questa situazione di blocco istituzionale, nella quale destra e sinistra si sono messe insieme non certo per governare, ma per bloccare tutto. Se fossero approvate le nostre proposte si metterebbe in moto l’economia del nostro Paese, che inesorabilmente è ferma, e le casse dello Stato potrebbero recuperare 100 miliardi di euro. Oggi, insieme al presidente del partito, Antonio Di Pietro e ai responsabili dei Laboratori Lavoro ed Economia, Zipponi e Lelli, abbiamo partecipato ad un sit in davanti al ministro del Lavoro, a Roma, durante il quale è stato consegnato un pacchetto di misure economiche proposte dall’IdV. Oggi siamo venuti qui per parlare di lavoro i cittadini ormai non arrivano più alla fine del mese, c’è un governo immobile, che galleggia e che non si decide a prendere alcuna decisione. Noi abbiamo delle proposte chiare e concrete ed indichiamo, infatti, da dove reperire le risorse finanziarie. Per esempio occorre vendere immediatamente i beni confiscati ai mafiosi. Si pensi che nelle casse dello Stato giacciono circa 80 miliardi di euro in titoli e beni immobili e non si capisce perché questo governo preferisca continuare a prendere denaro dalle tasche degli italiani, piuttosto che vendere i beni confiscati ai mafiosi. In secondo luogo è fondamentale promuovere una vera lotta all’evasione. Si pensi per esempio ai fondi portati illegalmente in Svizzera. La riduzione del cuneo fiscale che vale mediamente il 120% dello stipendio netto, è indispensabile per ridurre il costo del lavoro e per diventare più competitivi. In parte la si ottiene dalla riduzione dell’Irpef, lasciando però in questo modo il costo del lavoro inalterato. Si dovrà quindi prevedere una programmata riduzione degli oneri contributivi. Costo da stabilire tenendo conto che ogni 5% di riduzione dei contributi corrisponde a circa 10 mld (le entrate INPS annuali ammontano a 215 mld). È urgentissimo intervenire con aiuti concreti alle PMI per incentivare con crediti d’imposta strutturali gli investimenti per la R&S e per il processo produttivo, incrementando così la produttività dell’impresa. Hanno aumentato l’Iva e poi si è scoperto che nell’ultimo trimestre le entrate Iva sono diminuite è chiaro perché è una tassa che paghi sui beni che acquisti. Ma se non ci sono soldi per acquistare è ovvio che non ci sono neppure più le entrate per questo vogliamo rimettere i soldi nelle tasche dei cittadini. Bisogna fare in modo che la cassa integrazione straordinaria sia restituita quando l’azienda che la riceve ha degli utili. Occorre ridare immediatamente potere d’acquisto alle classi più disagiate agendo su forti riduzioni dell’aliquota Irpef con risultati sullo stipendio lordo di 150/200 euro al mese: trattasi di crisi di domanda e quindi è indispensabile farla ripartire. Basti pensare al caso della Fiat. La verità è una: in Italia ci sono delle casseforti che, come hanno fatto in precedenza i governi Monti e Berlusconi, non hanno mai voluto aprire e ci sarà certamente un motivo per cui in questa legislatura non si è ancora insediata la commissione antimafia. Noi quindi affermiamo che c’è il modo per sbloccare la situazione di crisi. Abbiamo portato al ministro del lavoro le chiavi per aprire queste casseforti. Ora vogliamo vedere se chi governa ha la volontà di fare gli interessi delle imprese che investono e dei lavoratori oppure se non vuole farlo, se ne vada perché l’Italia ha bisogno di un rilancio economico.


Le nostre infografiche:

10   14    SSS