Sanità, Doddi: prima vittima per tagli ad Anagni

“La prima vittima dopo pochi giorni dalla chiusura dell’ultimo presidio di urgenza di Anagni, il punto di primo intervento,  è una signora di 64 che ha avuto la sfortuna di essere punta da un insetto ed è morta per shock anafilattico a causa di mancanza di strutture  e farmaci per le emergenze. E’ intollerabile che la zona di Anagni-Fiuggi,  cosi’ estesa e popolata  che accoglie oltre 100mila persone per cure termali e turismo non abbia una adeguata copertura di urgenza ed emergenza sanitaria. Chiediamo le dimissioni immediate del direttore Generale e del responsabile regionale della sanità laziale. E’ scandaloso, e non è causale,  che questo dramma sia avvenuto dopo che la giunta Zingaretti ha deciso di ridimensionare le strutture  regionali sanitarie, tra cui  l’ultimo presidio di primo intervento di Anagni che deve immediatamente essere ripristinato.” E’ quanto dichiara in una nota il  segretario regionale Idv Lazio, Salvatore Doddi.