Pedofilia. Messina: dati inquietanti in Italia

“In occasione della giornata contro la pedofilia sono stati pubblicati dati estremamente inquietanti su questo fenomeno in drammatica crescita. Secondo i dati del Report Meter, nella rete TOR, protetta dall’anonimato, sono state registrate 1’946’898 immagini, contro il milione e poco più del 2015. Tonnellate di gigabyte hanno continuato a rappresentare il dolore e le urla dei bambini, violentati e venduti da abusatori che si mostrano ormai anche a viso scoperto. Le nazioni prese in considerazione sono state 42. A livello dell’Italia i dati diffusi da Telefono Azzurro documentano un rilevante aumento delle segnalazioni. Tutto ciò è estremamente preoccupante. Il Ministero dell’Interno dovrebbe intensificare le operazioni della polizia postale per la scoperta e la chiusura dei siti pedopornografici. A livello internazionale occorre agire per uno sforzo degli Stati per individuare e chiudere gli organizzatori dei siti pedopornografici aventi sede nel loro territorio. Occorre poi un grande sforzo per rendere consapevoli, nei modi adeguati, le piccole potenziali vittime affinché siano attente alle situazioni di pericolo. L’Italia, che ha tradizioni di grande civiltà, non giri la testa all’indietro facendo finta di niente, ma assuma i problemi delle persone, comprese le vittime di violenze domestiche, come prioritarie e meritevoli di uno straordinario impegno. Si garantisca ad ognuno di vivere in dignità la propria unica vita, soprattutto quando si tratta di garantire ai bambini il diritto ad essere tali. Ed il PD rinunci alla soppressione dei tribunali per i minorenni perché essi rappresentano un presidio insostituibile per la tutela dei bambini”.

Così il segretario nazionale dell’idv Ignazio Messina.