Padoan, che gaffe a Ballarò!

lelliIl ministro Padoan, nell’ultima puntata di Ballarò, si è reso protagonista di una brutta gaffe. Infatti, alla domanda del conduttore Giannini relativa all’innalzamento della soglia del contante a 3000 € (“Che motivo c’è di fare un pagamento in contanti fino a tremila euro portandosi dietro una mazzetta così corposa invece di pagare in modo elettronico con il bancomat o la carta di credito che forse è molto più semplice?”), Padoan ha risposto: “Il problema non è nel modo di pagare ma nel fatto che chi vende rilasci oppure no lo scontrino o la ricevuta”. Ma il ministro, forse, non ricorda che se si paga in modo elettronico il venditore è costretto a rilasciare scontrino o ricevuta perché il pagamento è tracciato?
Una ricerca ha peraltro dimostrato che sotto i 1000 € l’88% delle persone che fanno pagamenti li fanno in contanti, ma sopra i 1000 € quasi tutti i pagamenti vengono realizzati con la moneta elettronica. E allora, viene da chiedersi: perché portare il limite a 3000 €? In queste ultime ore, questa tesi è stata autorevolmente sostenuta anche da Franco Roberti, procuratore nazionale antimafia: “(l’innalzamento della soglia del contante) è una scelta sbagliata, un pessimo segnale per la legalità”, ha detto. Dunque: cui prodest?
Alessandro Lelli – Responsabile Nazionale Laboratorio Economia IdV