Messina: Sì al ministero del Cibo e del Verde

“Il settore agroalimentare è una delle punte di diamante del nostro Paese, di primaria importanza sia in termini di valore che di posti di lavoro. La politica deve farsene carico in modo più deciso”. Queste le parole di Ignazio Messina, candidato al Senato nel collegio uninominale Lombardia 14. “Condivido a pieno la volontà di Coldiretti, espressa dal suo presidente di Brescia e Lombardia Ettore Prandini, di istituire un ministero del Cibo e del Verde. E’ necessario che alcune materie siano discusse e coordinate a livello centrale, soprattutto in campo agroalimentare dove servono competenze molto specifiche. Con quest’ottica si potrà contrastare la contraffazione del made in Italy, il cosiddetto Italian Sounding, che priva la nostra economia e i nostri produttori di 60 miliardi di euro all’anno”. “Nel Bresciano questa esigenza è molto sentita – aggiunge Messina -, un territorio da sempre caratterizzato da una forte vocazione nelle filiere zootecniche, si pensi ai suini che servono per produrre i prosciutti Parma e San Daniele, e agricole, in primis il vitivinicolo. I produttori agricoli, bresciani e italiani, svolgono anche un fondamentale ruolo nella tutela dell’ambiente, aspetto troppo spesso dimenticato”.