Matteo Candela

Nato a Roma il 4 Giugno del 1984 e residente ad Artena (RM).

Laureato in Scienze dei Beni Culturali presso l’Università di Roma Tor Vergata, con indirizzo archeologico in antichità dei popoli italici.

Mail: candela.beniculturali@gmail.com

PRINCIPALI TAPPE DELLA CARRIERA
Master in Gestione, Progettazione e Valorizzazione dei Beni Culturali Ecclesiastici presso l’Università Lumsa di Roma. Collaboratore di scavi archeologici. Consulente per la valorizzazione e gestione dei beni culturali. Proprietario/editore del sito web Beni Culturali 3.0 Promuovere-Tutelare-Valorizzare – benicultura.it. Progetti didattici e di promozione turistica in collaborazione con diversi studiosi del territorio inerente la provincia di Roma (Polo Museale dei Monti Lepini – Settimana dell’archeoastronomia). Progetto didattico in collaborazione con l’Ufficio Beni Culturali Diocesano della Diocesi Velletri-Segni, “Diocesi ed Istituzioni culturali nel sistema scolastico” – “Laboratorio didattico e tavola rotonda per un sistema culturale a km 0”. Docente di Storia dell’Arte per associazioni e privati cittadini presso lo storico Palazzo Doria Pamphilj nella città di Valmontone (RM). Collaborazioni esterne di carattere storico-archeologico con Enti provinciali di promozione turistico-territoriale. Perfezionamento linguistico presso la Kaplan International College di Edimburgo.

Ultimi Articoli Matteo Candela

  • A Sansepolcro su beni culturali mostra fotografica ad hoc su siti a rischio degrado - L’Italia dei Valori ha a cuore il futuro del nostro patrimonio archeologico e con la mostra fotografia che presenteremo in occasione della Festa nazionale a Sansepolcro il 4 e 5 ottobre, abbiamo pensato che raccogliere foto di siti archeologici e di beni culturali in stato di degrado o di abbandono, fosse il modo migliore per(...)
  • La quasi Tutela dei Beni Culturali - Esiste un concetto che per storia e tradizione si è protratto nei millenni, quello dell’inviolabilità, tramutato poi in età contemporanea nella parola Tutela. Ciò che per i popoli arcaici appariva come sacro, inevitabilmente assumeva una forma soprannaturale e quindi assolutamente da rispettare. Le comunità, pur vivendo prive di leggi scritte, avevano col tempo maturato una(...)
  • Il riconoscimento professionale per un nuovo corso culturale - Da oggi i professionisti che operano nel comparto culturale avranno il pieno riconoscimento istituzionale e un elenco diviso per categorie che agirà da attestato di appartenenza. Gli archeologi, gli storici dell’arte, i bibliotecari, gli archivisti -e ancora- demoetnoantropologi, antropologi fisici, restauratori dei beni culturali e collaboratori restauratori dei beni culturali, esperti di diagnostica e di(...)
  • Bene l’Art Bonus, ora non ci resta che Valorizzare - L’ultima fatica del Ministero dei beni culturali prende il nome di Art Bonus e si prospetta come un primo –grande- passo verso una nuova visione del patrimonio culturale italiano. La firma è di Dario Franceschini ma era ormai da qualche tempo -e Ministro- (Bray compreso) che una buona fetta della popolazione chiedeva a gran voce(...)
  • Il laboratorio dei beni culturali al primo tavolo di confronto con “Restauratori senza frontiere” - Da tempo immemore il principio cardine che lega l’uomo ai beni culturali è senza ombra di dubbio riferibile alle pratiche di tutela e conservazione, fondamentali laddove si tenti di preservare al meglio tutto ciò che passato e tradizione ci hanno consegnato. Ora inevitabilmente spetta a noi il difficile compito di tramandare nel migliore dei modi(...)
  • Una nuova valorizzazione delle figure professionali in ambito culturale - Iniziamo ad approfondire i punti cardine della riforma riguardante il ministero dei Beni Culturali proposta da noi di Italia dei Valori che a breve si manifesterà con una solida campagna di sensibilizzazione. Abbiamo più volte espresso l’urgente necessità di un radicale cambiamento della struttura, mediante una profonda revisione del sistema amministrativo nonché di quello c.d.(...)
  • Lo sceicco del Kuwait non salverà i nostri beni culturali - Lo sceicco del Kuwait non salverà i nostri beni culturali poiché può essere considerato elemento accessorio e quindi aggiuntivo; una reale opportunità di rilevanza ma pur sempre secondaria all’aspetto fondamentale, quello della ristrutturazione amministrativa del Ministero dei Beni Culturali. L’ingresso dei privati in soccorso del nostro patrimonio è ora più che mai indispensabile ma deve(...)
  • Pronta la nostra proposta di riforma del Ministero dei Beni Culturali - È ormai pronto lo SBLOCCA-BENICULTURALI che presenterà, in forma sintetica, la nostra proposta di riforma del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Dopo i crolli di Pompei e di Volterra, e dopo i danni alle Mura Aureliane di Roma, punte visibili di un iceberg di cui tuttavia non conosciamo la reale estensione, pensiamo che(...)