L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro

lelliCosì ieri l’On. Schifani : “ La nostra Costituzione e la sostenibilità economica rendono difficile l’introduzione del reddito di cittadinanza nel nostro ordinamento”. Così Renato Schifani, presidente dei senatori di Area popolare Ncd-Udc spiega nel corso di un’intervista al Giornale di Sicilia le sue perplessità circa l’istituzione di un reddito di cittadinanza in Italia.
“La Costituzione – precisa Schifani – all’articolo 36 stabilisce che il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro. Quindi il reddito e’ concepito soltanto in funzione ed a fronte di un’attività lavorativa”.

Forse è proprio l’On. Schifani a non conoscere la Costituzione che all’art.1 recita che “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro “ e all’art. 4 “La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società”.

Proprio in relazione al rispetto di questi fondamentali articoli IdV, in un momento così critico per il Paese, è favorevole ad istituire il reddito di cittadinanza e a creare tutte le condizioni per favorire la piena occupazione attraverso investimenti statali e privati agevolati che stimolino il lavoro ed è quindi contro il fiscal compact e il pareggio di bilancio in Costituzione che ne impediscono l’attuazione.

Alessandro Lelli

Responsabile Nazionale Laboratorio Economia IdV