sssssss          SSSSSSSSSSSS
zipponi_307x277. messina dipietroStampa
Un innovatore ambivalente

Se La lezione di Obama di Stefano Lucchini e Raffaello Matarazzo, riguardasse le vicende politiche italiane invece che americane, il sottotitolo del libro sarebbe: <<Come perdere le elezioni nell’era della politica 2.0>>, riferendosi agli schieramenti sia di centrodestra che di centrosinistra. Siccome gli Stati Uniti  e l’Italia non sono nettamente separati ma viaggiano semplicemente a velocità diverse, come scrive a commento Roberto d’Alimonte (e, con l’Italia e l’Europa sempre in ritardo), possiamo imparare da questa lettura come recuperare e riconsegnare alla Politica Italiana il suo vero e unico significato: l’arte di governare la società in realtà complesse che hanno bisogno contemporaneamente di partecipazione e di velocità nella decisione. I nostri riti politici, già ieri barocchi, oggi sono insopportabili per un sistema dinamico in cui l’internazionalizzazione dell’impresa, i tempi della comunicazione e l’ascensore sociale per le persone che lavorano. Pena un declino inarrestabile.

LE RAGIONI DELLA VITTORIA

Lucchini e Matarazzo hanno il merito di descrivere con chiarezza e sintesi quanto è accaduto nelle elezioni Presidenziali americane dal 2012 in poi. Procedono con i dati in mano e una conoscenza reale delle posizioni e della storia dei candidati, senza pregiudizi né settarismi: un approccio molto anglosassone e poco italiano. La vicenda americana registra infatti l’irruzione di tre grandi novità: una “estrazione mineraria di dati” per costruire proposte coerenti con il pensiero e gli interessi di chi si vuole rappresentare; un capillare processo di radicamento sul territorio, con “un volontario in carne ed ossa” che va di porta in porta; un meccanismo efficace di finanziamento privato attraverso la Rete.  I Repubblicani perdono per tre ragioni: la difficoltà nel passare da quattro anni di opposizione radicale ad una piattaforma politica  credibile; una comunicazione snodata solo lungo i canali tradizionali e  le divisioni interne dovute da primarie lunghissime, che hanno logorato il loro candidato.

I messaggi di Obama si sono diffusi attraverso smartphone, tablet, e una miriade di nuove applicazioni, affiancati però da un imponente coinvolgimento di migliaia di giovani, dando così rappresentanza alla parte emergente della popolazione. I democratici vincono, pur in presenza di una crisi economica e sociale terribile, anche per merito di Jeremy Bird, un trentenne che da Chicago, senza nemmeno raggiungere Washington, ha raccolto e ordinato una colossale quantità di dati, che serviranno poi a costruire un rapporto diretto con la moltitudine dei gruppi di interesse e a raccogliere fondi, anche di pochi dollari per volta. La campagna elettorale più costosa del mondo (6 miliardi di dollari compresa l’elezione del congresso) è stata decisa però “dalla politica e dalla analisi della società che la sottende”: fuori dai Palazzi, per capire sentimenti profondi,  cambiamenti in atto, desideri e sogni dei cittadini.  Non a caso, anche da noi, Renzi e Grillo provengono da “fuori” e hanno in comune l’ostilità verso gli “apparati” di partito e di sindacato.

ALTERNATIVE NETTE

Gli autori segnalano un altro dato fondamentale. Al centro della competizione americana campeggia un aspetto che era a lungo rimasto “colpevolmente” in ombra: l’ideologia. Il termine fa venire l’orticaria per come è stato distorto in Italia, ma negli Usa ha permesso agli elettori di prendere posizione  tra due visioni antitetiche del mondo, dell’economia, del ruolo dello Stato. Sono entrati in campo temi come i minimi salariali, i servizi pubblici a partire dalla sanità, la difesa del diritto allo studio, i diritti civili. Non a caso le donne hanno rivestito un ruolo centrale nella vittoria di Obama, il 55% a suo favore contro il 44% per Romney, le minoranze gli hanno accordato circa l’80% dal consenso: rappresentano il 37% della popolazione Usa e diventeranno nel 2050 la maggioranza assoluta. Provate a immaginare in Italia, patria delle larghe intese e dell’eterna unità nazionale contro questa o quella “emergenza”, cosa significherebbe restituire una sana dimensione divaricata alla destra e alla sinistra. Tornerebbero in prima linea le capacità di analisi e risoluzione dei problemi. La finiremmo con i comici. Parole oggi vuote come “destra” e “sinistra” recupererebbero un significato reale per la vita, i progetti e le speranze delle persone.
Per questo è importante partire dai dati e non da un mondo immaginario che non esiste. Nel 2008, raccontano ad esempio gli autori, negli Usa i repubblicani avevano raggiunto picchi senza precedenti tra gli operai, con 30 punti in più dei democratici. Obama non ha risposto alla maniera tipica della sinistra italiana: “Gli operai sbagliano, non capiscono ma capiranno”. Si è lanciato ventre a terra per capire le ragioni di quello spostamento, scoprendo che le grandi organizzazioni sindacali erano in crisi profonda di rappresentanza e non orientavano più il voto nemmeno dei propri iscritti. Qui vi è una grande somiglianza con l’attualità italiana. Un ruolo chiave per la riconquista di laureati e operai americani è stato proprio quello dell’ideologia, cioè una visione della società in cui il lavoro e l’attività manifatturiera di qualità tornano al centro delle politiche industriali. L’esempio più macroscopico è stato il salvataggio e il rilancio del settore auto, con un ruolo fondamentale dello Stato che poi ha riconsegnato le attività al mercato e all’iniziativa privata.
Lucchini e Matarazzo affermano infine che se le elezioni del 2008 sono passate alla storia per i social media, la campagna elettorale 2012 verrà ricordata come quella dei “dati personali” e del microtargeting. Ogni elettore ha potuto raccontare la propria storia su una piattaforma digitale condivisa da molti altri. I social media, dunque, hanno funzionato stavolta davvero come un “ponte verso il territorio”.

Maurizio Zipponi

Ultimi Articoli Maurizio Zipponi

  • Ilva, Zipponi: Governo cambi decreto o morirà come Bagnoli - Articolo tratto da www.dire.it Dimezzare i tempi previsti dall’ultimo decreto Ilva per le valutazioni del ministero dell’Ambiente e per la scelta industriale dei commissari e garantire “la presenza italiana” maggioritaria nel gruppo che rileverà lo stabilimento di Taranto. Lo chiedono una serie
  • Lavoro: Idv, interrogazione su precari Italia Lavoro - Un’interrogazione parlamentare al ministro del lavoro Poletti sulla vicenda dei 450 co.co.pro. della società Italia Lavoro è stata annunciata da Idv per sollecitatare “la piena tutela dei diritti dei lavoratori”.Costoro, infatti sono al centro di una delicata vertenza in quanto dipendenti di una società privata ma partecipata al 100% dai ministeri
  • Lavoro: al fianco dei lavoratori Cisa di Faenza - Sabato prossimo l’Italia dei Valori sarà a fianco dei lavoratori della CISA di Faenza, azienda che rischia 238 licenziamenti”. Irresponsabile e miope la scelta dell’azienda di delocalizzare ed esternalizzare, proprio mentre alcuni grandi gruppi industriali che operano in Italia stanno invece adottando soluzioni esattamente opposte, quali il rientro delle produzioni negli stabilimenti del Belpaese. Faenza è(...)
  • Monfalcone: necessari standard sicurezza europei - Ci auguriamo vivamente che, per i 5000 lavoratori di Monfalcone di cui la stragrande maggioranza lavora nelle ditte in appalto, la Fincantieri apra le porte a tutte le indagini ambientali, fornendo i dati per poter procedere, laddove vi fossero evidenze, a immediate bonifiche per la sicurezza dei lavoratori e della cittadinanza.
  • Idv: Più diritti per i lavoratori, accelerare la ripresa, ridurre la precarietà - I dati sull’incremento dell’occupazione sono confortanti e fanno ben sperare per il futuro. Noi di Idv ci impegneremo in Parlamento affinché si possa realizzare un ‘tagliando’ a questa riforma per verificare se esiste una pura sostituzione della forma di contratto o se effettivamente o si stanno creando nuovi posti di lavoro,
  • Pensioni: ok Boeri su flessibilita’ in uscita - Italia dei Valori, rientrando con i propri rappresentanti in Parlamento, ha, come primo atto, consegnato una proposta di legge di riforma del sistema pensionistico che da un lato intende azzerare gli effetti nefasti della legge Fornero e dall’altro individuare un nuovo meccanismo di uscita flessibile verso la pensione in relazione ai contributi versati, alla età(...)
  • Fiom: sottoponiamo nostre proposte - Italia dei Valori porterà alla manifestazione del 28 marzo indetta dalla Fiom nazionale una precisa e autonoma proposta sull’abolizione della legge Fornero, su un nuovo sistema previdenziale flessibile, su un’inclusione nel welfare delle partite IVA, sull’applicazione degli art. 39-41-46 della Costituzione in relazione al ruolo del sindacato e delle imprese in Italia e, infine,
  • L’Ilva di Taranto è un punto di snodo per la politica industriale nazionale. - Siamo il secondo Paese europeo manifatturiero e la produzione di acciaio di qualità serve innanzitutto al nostro apparato industriale.Questa vicenda rappresenta una sfida storica in quanto si intrecciano due grandi questioni da sempre configgenti nel passato: la difesa dell’ambiente e del lavoro. Con la decisione del Governo
  • Da Brescia passa un bivio e il sindacato deve scegliere - E’ la seconda volta in pochi giorni che Renzi viene a Brescia. Perché? In questa provincia industriale da tempo si è elaborato il lutto della crisi che sta distruggendo l’Italia dal 2007. Da tempo si è deciso di reagire senza l’intervento dello Stato e si sono formate multinazionali “tascabili” con una dimensione internazionale. Qui vi sono(...)
  • Il 25 ottobre IdV contro Riforma Fornero e con nostre proposte per creare lavoro - Italia dei Valori, coerente da sempre con le proprie posizioni, sia dentro che fuori il Parlamento, il 25 ottobre sarà in piazza con delle proposte contro la riforma Fornero e per proporre leggi a favore delle assunzioni e non dei licenziamenti. Puntiamo a far crescere il Paese, ricostruendo il mercato del lavoro, ridotto a pezzi(...)

        Scarica il PDF


lavoro