testata laboratorio contro le mafie-01            SSSSSSSSSSSS
VALERIA GRASSO

Imprenditrice di Palermo che lavora nel campo del fitness e gestisce due palestre, che ricadono nel territorio controllato dalla famiglia di San Lorenzo, prima dalla famiglia Madonia e poi da quella dei Lo Piccolo.

Tornata da Catania, dove viveva, decide di prendere in affitto una palestra nel quartiere di San Lorenzo nel bel mezzo della Piana dei Colli, un tempo residenza di famiglie nobiliari di Palermo. I proprietari fanno parte della famiglia Madonia-Di Trapani, che Valeria non conosce e di cui non conosce la storia.
Dopo aver preso possesso dei locali e dell’attrezzature della palestra comincia a lavorare. Tutto procede bene fino a quando comincia ad avere dei piccoli problemi dovuti a lavoretti da fare nella palestra. Per le riparazioni si fanno avanti coloro che hanno locato la palestra a Valeria, la famiglia dei Madonia, che possedeva un appartamento proprio sopra la palestra e che propongono a Valeria di abitarlo.
In realtà si occupano di estorsione, usura, appalti. Valeria va ad abitare in quella casa sopra la palestra e ci spende diversi soldi per la ristrutturazione. Di tanto in tanto la palestra ha bisogno di alcune riparazioni che la famiglia Madonia compie, facendole pagare un occhio della testa fino al punto di perdere il conto.
Una sera di punto in bianco Valeria Grasso si è trovata nelle condizioni di dover lasciare, nel più breve tempo possibile, l’abitazione che i Madonia-Di Trapani le avevano locato. La scusa è che doveva andare ad abitarci una figlia. Di conseguenze Valeria si sobbarca altre spese per trovare un appartamento. Diversi giorni dopo viene messa al corrente del fatto che la palestra è stata sequestrata e che da quel momento in poi lei deve avere rapporti solo col Tribunale per quanto riguarda il pagamento della locazione della palestra. Da questo momento cominciano i guai per Valeria, che oltre a pagare un affitto al curatore dello stato, continua a pagare una pigione alla famiglia mafiosa dei Madonia-Di Trapani.
Quindi Valeria comincia ad avviarsi verso una catastrofe economica e decide di vendere l’attività della palestra. Trova un acquirente giovane e questi le passa un acconto sul prezzo pattuito. Nel frattempo i vecchi proprietari le fanno sapere di comunicare all’acquirente che doveva continuare a versare anche lui la doppia pigione. Valeria non ci sta. Decide di salvare quel giovane, restituisce l’acconto ricevuto e si reca dai carabinieri a denunciare il tutto. Grazie alle sue denunce-coraggio, vengono arrestati gli esattori materiali ed i mandanti che erano le famiglie Madonia-Di Trapani, che andando alla sbarra hanno avuto condanne per diverse decine di anni di galera.

Assieme ad Ignazio Cutro, altro imprenditore siciliano che si è ribellato al racket, è andata a Roma ad incatenarsi davanti al parlamento, ottenendo di essere ricevuta dal ministro D’Urso.
Entra nel programma di protezione di testimoni di giustizia e dopo aver vissuto per due anni in località protetta, è tornata a Palermo dove ha riaperto la sua palestra.
Viene nominata Responsabile Nazionale Laboratorio IdV contro le mafie e prosegue il suo impegno. Un impegno che l’ha portata ad ottenere un rafforzamento della scorta e che non si ferma nonostante le recenti intimidazioni.

Articoli di Valeria Grasso

  • Mafia: Su Saguto Stato non permetta beffe - Il Governo ha risposto all’interrogazione dei senatori dell’Italia dei valori sull’attualita’ della scorta a Silvana Saguto, gia’ presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo, comunicando che la misura di protezione e’ scalata raggiungendo un livello inferiore ‘depotenziato’, che e’ uguale a quello che molti testimoni di giustizia hanno attualmente.
  • Racket: premio a Valeria Grasso, testimone di giustizia - La Fondazione Caponnetto ha consegnato il Premio scomodo 2016 a Valeria Grasso, testimone di giustizia. L’assegnazione nella palestra di via dell’Olimpo dove l’imprenditrice palermitana ha iniziato la sua battaglia contro il racket. Il servizio è di di Laura Lo Re.
  • Libro Riina: contraria a presentazione a teatro Massimo - Sono completamente ed assolutamente contraria, senza se e senza ma, all’ipotesi di una presentazione del libro del figlio di Riina, Salvo, al teatro Massimo di Palermo, evento che si potrebbe svolgere il 18 giugno. Se ciò dovesse realmente accadere, sarò al fianco di Salvatore Borsellino e di tutti quei palermitani che, sono certa, scenderanno in(...)
  • Legalità: beni confiscati a imprenditori-coraggio - Aver insediato un parco per cani e gatti in un bene confiscato alla mafia a Palermo, nel quartiere Falsomiele, è un’iniziativa di civiltà e dall’alto valore simbolico. Rappresenta, infatti, uno dei tanti esempi di come sia possibile ri-destinare utilmente alla collettività un bene sottratto alle organizzazioni criminali. Ora occorre impegnarsi coralmente per restituire alla fruizione(...)
  • Mafia: dati indagine studenti sproni a far meglio - I dati dell’indagine del Centro Pio La Torre sul grado di fiducia degli studenti nello Stato e nella battaglia condotta contro tutte le mafie devono rappresentare uno sprone per tutte le Istituzioni e in particolare la politica a fare di più, molto di più per affermare su tutto il territorio nazionale una sana cultura della(...)
  • Vergognoso far conoscere la Sicilia dal figlio di Provenzano - Il figlio di Provenzano ha l’arroganza tipica dei mafiosi. In queste ore continuano a scrivermi inferociti i ragazzi delle scuole dove vado a raccontare la mia esperienza di testimone di giustizia, costretta al programma di protezione, ad abbandonare la mia città e il mio lavoro per aver denunciato i Madonia, noti sanguinari mafiosi come Bernardo(...)
  • Arresto consigliere Palermo: trionfano legalita’ e denunce coraggiose - L’arresto del Consigliere comunale di Palermo per concorso in tentata estorsione è la dimostrazione che il coraggio degli imprenditori caduti nella morsa della mafia può fare la differenza. Il mio appello è la richiesta, incessante, di non chinare la testa di fronte a nessuno, a chi distrugge il futuro dei nostri figli, a chi mortifica(...)
  • Non partecipo a manifestazione testimoni giustizia a Roma, chiesto incontro a Bubbico e Bindi - In qualità di testimone di giustizia, non prenderò parte alla manifestazione di protesta di alcuni di noi Mercoledì a Roma perchè sono testimone anche, in prima persona, dell’impegno assunto dalla Commissione Antimafia, per risolvere i disagi che vive chi denuncia. Sappiamo che le misure a sostegno di chi ha denunciato estorsioni, racket,pizzo e malaffare, ci(...)
  • Chiusura azienda Ignazio Cutro’ funerale di onesta’ e giustizia - La chiusura dell’azienda del testimone di giustizia Ignazio Cutrò è un funerale per lo Stato e per la dignità di un cittadino che ha opposto il proprio coraggio alla mafia. Ci sentiamo tutti sconfitti di fronte a casi del genere ma ciò che più dovrebbe spingerci a riflettere è che non essere il punto di(...)
  • La solidarietà ai giovani imprenditori Zangaloro. Senza esitare affidarsi alla libertà per sconfiggere il ricatto mafioso - Quanto accaduto a Zangaloro steak house in via La Lumia rende evidente come l’aggressione della mafia nella nostra Palermo è sempre in agguato. Il ricatto e l’impossibilità di lavorare in pace sono ancora più da condannare oggi in tempi di crisi, perché è più difficile fare impresa. Un plauso va fatto alla famiglia Zangaloro e ai titolari(...)