Idv: aumentare personale tecnico nella Polizia penitenziaria

digiacomo-1In una lettera al ministro della Giustizia Andrea Orlando, Idv. nell’ambito della procedura concorsuale attivata per diversi ruoli tecnici della polizia penitenziaria (pubblicata in Gazzetta Ufficiale del 31 gennaio 2014), ha sollecitato un ampliamento dei posti, attualmente fissati in 29 unità, e lo scorrimento della graduatoria fino all’esaurimento.Il concorso è stato promosso per istituire la Banca Dati nazionale del DNA
ed il Laboratorio Centrale per la Banca Dati Nazionale del DNA anche alla luce dell’adesione dell’Italia al Trattato di PRŰM, avvenuta nel 2009. Atteso l’enorme ritardo accumulato per la realizzazione del Laboratorio Centrale – il rischio concreto è che, con appena 29 unità, si possano dilatare ulteriormente i tempi di collaudo e di avvio del Laboratorio, e di incorrere in ulteriori sanzioni da parte dell’UE”. Non si comprende il motivo per cui sia stato deciso di tenere i Ruoli tecnici (7 posti per Vice direttore biologo, 2 per Vice Direttore Informatico, 7 per Vice Perito Biologo, 4 per Vice Perito Informatico, 4 per Vice Revisore Tecnico, 5 per Allievo Agente Tecnico) in un numero così ridotto e con una destinazione limitata al solo Laboratorio Centrale”.L’Idv sollecita “un intervento di scorrimento di queste graduatorie per garantire al Laboratorio e quindi al Corpo di Polizia Penitenziaria un livello operativo più elevato.

Aldo Di Giacomo
Responsabile Nazionale Laboratorio Sicurezza IdV