De Santis: “Comune rischia dissesto finanziario”

“Da tempo sto richiamando l’attenzione del Sindaco e della Giunta comunale sul problema dei debiti fuori bilancio e delle transazioni non onorate sui debiti del Progetto CASE, non con spirito polemico, ma con la dovuta preoccupazione, consapevole che il Bilancio comunale non può più sopportare prelievi di somme nell’incertezza dell’avanzo di amministrazione presunto”.”Il Bilancio preventivo 2019 -prosegue il consigliere- non viene approvato, a detta del Sindaco e dell’Assessore delegato, per la mancanza dei famosi 10 milioni per coprire le maggiori spese e le minori entrate derivanti dal sisma, ma ancora più grave e consistente è la voragine di debiti che sta prosciugando le risorse finanziarie comunali e che ammontano ad almeno 25 milioni“.Debiti dovuti alla “mancata riscossione delle utenze del Progetto Case per circa 5 milioni; alle cessioni di credito a Banca Sistema per oltre 8 milioni, a Banca Ifis per circa 5 milioni, a Banca Factorinf per circa 1 milione; al debito Impregilo per circa 8 milioni; alla convenzione con Società Antas, per circa 4 milioni/anno a carico del Bilancio a prescindere dalla riscossione delle utenze; ai debiti fuori Bilancio, numerosi ed ancora non quantificati, nonostante l’impegno al riguardo del Dirigente Tiziano Amorosi“. Non solo. Proprio in questi giorni, rivela De Santisè stato notificato il “decreto di pignoramento di oltre 4,5 milioni con la provvisoria esecutività a favore di Banca Sistema per la transazione non onorata sulla cessione di crediti del Progetto Case“.”Di fronte ad un quadro finanziario così preoccupante -prosegue De Santis– non vedo risposte sul piano politico ed amministrativo adeguate ed incisive da parte della Giunta comunale, che mostra scarsa consapevolezza della drammaticità della situazione, che può portare al dissesto finanziario e probabilmente all’aumento della tassazione generale”.”Come già richiesto nell’ultimo Consiglio comunale, torno a chiedere la convocazione urgente della Commissione Bilancio, per fare chiarezza con i dati oggettivi sulla situazione debitoria e sulle azioni da intraprendere -conclude il consigliere- per non essere complice di una condotta amministrativa discutibile”.

Così, in una nota, il capogruppo Italia dei valori – Avanti Abruzzo in Consiglio comunale Lelio De Santis.